Il diritto industriale. In particolare: marchio e design (II EDIZIONE)

Seminario di traduzione giuridica EN>IT
Bologna, sabato 11 giugno 2016

Téléchargez le formulaire d’inscription

Sabato 11 giugno 2016 si terrà a Bologna la seconda edizione del seminario di traduzione giuridica EN>IT dedicato al diritto industriale, con un focus particolare sul marchio e sul design. Il seminario, organizzato da L&D traduzioni giuridiche, si inserisce nell’ambito di un programma più vasto di formazione per traduttori e interpreti, dedicato in generale al confronto tra l’ordinamento giuridico di common law e quello di civil law. La peculiarità della materia impone in questo caso un ripensamento dell’impostazione classica basata sulla contrapposizione common law-civil law, per prediligere un’analisi focalizzata sull’approfondimento del diritto industriale prima a livello dell’ambito dell’Unione europea – che da un lato ha introdotto norme comuni a tutti gli Stati membri e dall’altro ha favorito il ravvicinamento e l’armonizzazione delle singole normative statali – e poi dal punto di vista della legislazione degli Stati Uniti d’America. Dopo un’introduzione volta a precisare cosa si intenda con le espressioni intellectual property e industrial property, il seminario si concentra in particolare sul trade mark e sulle sue diverse tipologie, nonché sul design, così come disciplinati nell’Unione europea e negli Stati Uniti d’America, in ottica comparatistica con la disciplina prevista in materia dall’ordinamento italiano. Ci si concentrerà sulla nuova normativa relativa al marchio dell’Unione europea in vigore a partire dal 23.03.2016, che ha introdotto delle importanti modifiche soprattutto dal punto di vista terminologico e linguistico. La parte finale dell’incontro è dedicata ai legal remedies/judicial remedies in caso di contraffazione, sia dal punto di vista del diritto civile che del diritto penale. Nel corso del seminario si potranno quindi acquisire gli strumenti necessari per operare scelte traduttive consapevoli e in linea con le ultime novità in materia. Il metodo formativo adottato – come di consueto – si fonda sulla costante interazione tra illustrazione teorica ed esercitazioni pratiche, grazie alla compenetrazione delle competenze professionali di due figure distinte ma complementari: l’avvocato e il traduttore. In quest’ottica, verranno esaminati e tradotti svariati testi riconducibili ai singoli temi trattati.